Samstag, Oktober 24

L’INDICATORE BITCOIN CHE PREVEDEVA UN CALO DEL 60% DELLA MARCIA È DI NUOVO RIBASSISTA

Bitcoin è apparentemente bloccato nella terra di nessuno.

Poiché questo sbocco ha coperto ampiamente, la crittovaluta è stata presa tra un supporto cruciale e una resistenza cruciale; ogni volta che BTC tenta di superare gli 8.500 o 10.000 dollari, viene respinta.

C’è un sentimento crescente che verso il basso sarà la direzione che alla fine Bitcoin Trader rompe, però, con nuove analisi.

CI SONO MOLTEPLICI SOMIGLIANZE TRA BITCOIN IN MARZO E ORA

Secondo un trader, c’è una crescente possibilità che Bitcoin corregga piuttosto che raduni nei mesi a venire.

Ha condiviso il grafico qui sotto il 2 luglio, mostrando che per ogni Ichimoku Cloud di un giorno, Bitcoin ha un „futuro ribassista“ davanti a sé. Anche se non l’ha dichiarato esplicitamente, il grafico indica che per la nuvola di Ichimoku, il Bitcoin è piuttosto simile a com’era prima del crollo di marzo, dai 9.000 ai 10.000 dollari a 3.700 dollari.

Lo stato ribassista della Nuvola di Ichimoku non è l’unica somiglianza che gli analisti hanno osservato tra i massimi di marzo e ora.

Un tecnico di crittovalutazione ha condiviso l’immagine qui sotto due settimane fa. Mostra l’azione dei prezzi di Bitcoin negli ultimi 18 mesi insieme alla larghezza delle Bande di Bollinger. Le Bande di Bollinger sono uno strumento di analisi tecnica spesso utilizzato per mostrare la volatilità dei mercati.

L’ultima volta che l’ampiezza delle bande era così bassa, secondo il grafico, era prima del crollo di marzo.

Inoltre, proprio come a febbraio e marzo, i trader istituzionali stanno costruendo una posizione corta netta su Bitcoin attraverso i futures del CME.

Lo stesso trader ha recentemente condiviso i dati del rapporto Commitment of Traders del CME. Il rapporto viene pubblicato settimanalmente e mostra il sentimento cumulativo di un mercato dei futures.

I dati mostrano che i trader istituzionali ora detengono più di 2.000 contratti futures CME a breve su Bitcoin. Un tale sentimento negativo da parte di questo gruppo di investitori è stato visto l’ultima volta prima della capitolazione di marzo a 3.700 dollari.

UNA DIVERSA IMPOSTAZIONE MACRO

Ciò che questi tecnici e queste tendenze ignorano, tuttavia, è il contesto macro drammaticamente diverso di tanto in tanto. Fondamentalmente parlando, gli analisti dicono che la Bitcoin è più rialzista che mai.

BlockTower Capital ha pubblicato un rapporto di maggio che indica che il „macro caso del Bitcoin non è mai stato così ovvio“. Il cuore del loro sentimento è l’esistenza di forti tensioni geopolitiche, la pandemia che fa sì che il mondo diventi digitale e il crollo dei piccoli mercati emergenti.

Come riportato dal Bitcoinist in precedenza, Antoni Trenchev di Nexo ha detto che, a causa della convergenza tra la stampa di denaro fiat e le dimezzature del Bitcoin, BTC è destinata a raggiungere i 50.000 dollari.

„Quindi sì, mi attengo alla mia previsione di 50.000 dollari fino alla fine dell’anno. Mi rendo conto che è un’affermazione audace, ma i fondamentali ci sono e lo slancio sta cambiando anche lì“, ha concluso Trenchev al giornalista di Bloomberg.